IL GIRO DI CAMPO DI DEL PIERO

Posted on 14 maggio 2012. Filed under: calcio, sport | Tag:, , , , , , , , , |

È facile celebrare Alessandro Del Piero. Meno facile è spiegare ai non juventini cosa rappresenti questo calciatore, ne sono testimonianza i commenti stupiti dei telecronisti alle immagini di tifosi in lacrime allo Juventus Stadium in occasione della partita contro l’Atalanta, ultima di campionato.
Del Piero è una bandiera, questo lo sanno tutti. Ed oggi come oggi le bandiere sono merce rara. Basterebbe questo a spiegare tante cose.
Del Piero ha seguito (insieme ad altri campioni del suo calibro) la Juventus in serie B a causa del pasticcio calciopoli: non ha tradito la maglia, i tifosi. E quando, l’anno scorso, era in trattativa con la società per il rinnovo del contratto, rinnovo che tardava ad arrivare, proprio quando sulla stampa cominciavano a dipingerlo come uno che non firmava perché, a 37 anni, pretendeva troppi soldi, annunciò pubblicamente che avrebbe firmato in bianco qualsiasi contratto gli sarebbe stato sottoposto. Ditemi voi come può, un tifoso, non amare uno così.
Ma anche a non essere tifosi, Del Piero è sinonimo di classe, eleganza, intelligenza, professionalità, lealtà, educazione e compostezza. Quelli come lui nascono ogni tanto ma poi buttano via lo stampo, come si suol dire.
Alex Del Piero tanto ha dato alla Juventus ma tanto ha ricevuto, anche. In ciò non c’è niente di male e non è certo il caso di abbandonarsi a facili moralismi. Piuttosto, sono convinto che Alex sia uno di quelli che ha sempre pagato le tasse fino in fondo, perché è una persona seria.
Tutto questo pensavo mentre ieri sera, in tv, l’ho visto fare il giro di campo durante la partita, evento che ha oscurato ciò che stava accadendo sul terreno di gioco: gli occhi dei presenti, e gli obiettivi delle telecamere, erano tutti per lui. In quel giro di campo, nel giro di campo di Del Piero, nel giorno della festa scudetto, c’è stata una perfetta sintesi di gioia e tristezza, felicità e malinconia, un’atmosfera magica a volte raggiunta solo dai grandi del nostro cinema. Ma ieri sera non eravamo di fronte a un film.
Probabilmente in futuro lo vedremo all’estero, con un’altra maglia, ma lui resterà comunque, ora e sempre, il nostro capitano.
Grazie Alex.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

TRANSIZIONE DA CALCIOPOLI A FARSOPOLI

Posted on 4 aprile 2010. Filed under: sport | Tag:, , , , , , |

Da juventino quale sono, sin dalla nascita, ho avuto sempre pudore a parlare di “calciopoli”, della presunta cupola stile mafioso che Luciano Moggi, e quindi la Juventus, avrebbero messo in atto per condizionare pesantemente il campionato di calcio e persino il calciomercato. Ora che la cosiddetta “giustizia sportiva” ha fatto il suo corso, approfittando del vuoto di potere in ambito juventino e della inesperienza della nuova proprietà, dopo la morte di Giovanni ed Umberto Agnelli, ora che il procedimento penale a carico di Moggi è in pieno corso, mi sento di poter dire che  “calciopoli” si sta inesorabilmente trasformando in “farsopoli”. Le accuse a Lucianone sembrano fondate su chiacchiere da bar all’ombra rosa della Gazzetta, con un fiasco di vino sul tavolino. Coincidenze tra partite da giocare e ammonizioni o squalifiche di giocatori avversari la fanno da padrone, e poco dovrebbero importare le coincidenze contrarie, nulla lo scudetto perso nell’acquitrino di Perugia e le coincidenze a favore di altre squadre. Ora scopriamo che le accuse contro Moggi in alcuni casi sono risibili (per esempio, colpi di tosse durante il sorteggio degli arbitri), mentre sta venendo fuori che le indagini sono state eseguite alla carlona ed a senso unico, senza cercare riscontri oggettivi, prendendo per buoni i datti della Gazzetta anche quando gli stessi si sono rivelati sbagliati (è successo). Stanno saltando fuori, inoltre, tantissime telefonate di Moratti al designatore arbitrale Bergamo, ed anche altre di Galliani, e chissà quante altre ne salteranno fuori: è inquietante notare che mentre quelle usabili contro Moggi e la Juventus sono state portate alla luce del sole, queste altre siano state tenute nascoste. Se pensiamo che l’Inter ha razziato, dopo la tempesta calciopoli, il parco giocatori Juventino, se consideriamo che la condanna è stata inflitta da un ex dirigente interista, se pensiamo che gli scudetti tolti ai bianconeri sono stati due mentre le indagini riguardavano un solo campionato, se pensiamo che le intercettazioni Telecom possono essere state influenzate da Tronchetti Provera, se pensiamo che Mancini, a quel tempo allenatore dell’Inter, in una celebre intervista lasciò chiaramente intendere di essere a conoscenza delle indagini di cui tutti ignoravano l’esistenza… non voglio aggiungere altro.

L’unica cosa che mi turba veramente, e lo dico in tutta sincerità, sono le schede telefoniche che Moggi regalava agli arbitri e che sembrano essere un canale di comunicazione fin troppo evidente. Ma a chi dice che servivano a tenere segrete le telefonate, rispondo che tecnicamente è impossibile, in quanto le suddette schede avrebbero comunque dovuto funzionare in roaming e quindi transitare per i ripetitori presenti sul territorio italiano. Ed aggiungo che non sono nulla rispetto, per esempio, agli orologi d’oro regalati dalla Roma agli arbitri , eppure quella volta non accadde nulla.

La Juve nelle chiacchiere da bar è sempre stata definita, dai tifosi avversari, una squadra che ruba e corrompe gli arbitri. Me lo ricordo, con grande nitidezza, sin dalle elementari, quando collezionavo le figurine. Ora il sospetto è che le medesime chiacchiere, avvalorate da una stampa nemica (rosa), si siano trasferite nei tribunali, dove però dovranno scontrarsi con la realtà. Ed è qui che sta venendo fuori farsopoli: tra un po’ ne vedremo delle belle, ed a farne le spese, questa volta, saranno coloro che in un primo momento ne hanno tratto vantaggio.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 2 so far )

JUVENTUS: TRAGHETTO O COMANDO

Posted on 25 gennaio 2010. Filed under: sport | Tag:, , , , , , |

Parto da un concetto: quella di Ferrara era una scommessa che si poteva anche fare. I primi risultati lasciavano ben sperare, dopo la noia-Ranieri (parlo del Campionato scorso) la somministrazione di piccole dosi di Ferrara avevano rivitalizzato la squadra consentendo la qualificazione per la munifica Champions League. Anche l’inizio dell’attuale campionato non era stato male. Poi… Inizialmente si è percepito qualche scricchiolio, quindi il disastro completo: squadra assolutamente disorganizzata, senza fisionomia, giocatori che vagano per il campo in preda alla più assoluta anarchia, assenza di schemi. Risultato: contro la Juve tutti sembrano fenomeni, mentre i nostri sembrano essere tutti dei brocchi. Vedo giocare l’Inter e vedo grandi spazi attorno ad ogni giocatore. Nessuno riceve palloni spalle alla porta. Vedo giocare la Juve ed i suoi giocatori sono circondati regolarmente da almeno tre avversari, e sono regolarmente con la porta avversaria alle spalle. E’ evidente che la scommessa Ferrara, forse fatta pensando a Guardiola o forse per compiacere Lippi, come alcuni affermano, è stata persa. Niente di male, le scommesse si possono anche perdere, del resto chi non risica non rosica, ma sarebbe assurdo perseverare a puntare su un cavallo che si sa perdente.

Adesso sento dire, dopo l’ennesima sconfitta, quella contro la Roma,  che Ferrara anche se manca la ufficialità è di fatto esonerato, e che la dirigenza – fin qui dimostratasi del tutto inetta… quanto rimpiango la Triade! – starebbe soppesando il nome del nuovo allenatore ma, prima ancora del nome, la sua tipologia: un traghettatore da qui a fine stagione, quindi un Vialli, un Trap, uno Zoff, uno Zaccheroni, oppure un grande allenatore tipo Hiddink o Benitez la cui nomina vorrebbe dire, però, la rinuncia al progetto che vedeva Lippi direttore generale, direttore sportivo, insomma qualcosa di importante nella futura Juve.

A me l’ipotesi traghettatore non piace. Perdiamo solo tempo. Non mi entusiasma neanche l’ipotesi Lippi dirigente, perché secondo me si tratta senza dubbio di un grande allenatore, ma da parecchio tempo allena la Nazionale di calcio, squadra per forza di cose con pochi automatismi che affronta altre squadre con pochi automatismi. Ferrara è stato il secondo di Lippi e guarda caso ha creato una Juve del tutto priva di automatismi, che gioca come se fosse una nazionale di calcio ma, ahimé, affronta invece squadre molto ben organizzate sul piano del gioco.

Il traghettatore non serve a niente. Molto meglio ammettere il fallimento di un progetto varato con troppa superficialità (il cosiddetto progetto-Lippi) ed affidarsi ad un allenatore bravo ed esperto, in grado di dialogare con l’unico che nella Juve attuale ne capisce di calcio, Bettega.

Così la vedo io.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Juve: Bettega is back

Posted on 24 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , , |

Evidentemente alla Juve devono essersi resi conto che bisogna capire di calcio, così hanno richiamato Bobby Gol. A chi vada il merito di una simile scoperta non si sa, ma a me piace pensare che sia stato qualcuno della proprietà. Il presuntuoso galletto Blanc conserva tutte le sue cariche, una vera e propria collezione, ma Bettega avrà la nomina a vice direttore generale con pieni poteri sulla conduzione sportiva: sue saranno le scelte relative all’allenatore ed ai giocatori; sarà presente agli allenamenti; affiancherà Secco nelle operazioni di mercato.
Sono curioso di vedere quali saranno i primi provvedimenti.
Bettega dovrà ricreare una mentalità vincente, amalgamare lo spogliatoio, dare una identità di gioco, galvanizzare l’ambiente, apportare i dovuti correttivi alla formazione e quindi all’organico. Compito non facile, ma Bobby Gol ha tutto per riuscire: carisma, personalità, capacità, esperienza, intelligenza.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Juventus: l’insostenibile leggerezza dell’inesistenza

Posted on 20 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , , , , |

Ennesima debacle della Juve che dimostra come il calcio sia uno sport popolare e semplice solo sulla carta. In realtà allestire una squadra vincente richiede grande preparazione, sintesi di esperienza, conoscenza, capacità, autorevolezza. La squadra bianconera, distrutta da calciopoli ma, ancora di più, dalla incapacità della proprietà di far fronte in modo adeguato al ciclone giudiziario, è governata da ottimi amministratori (notevole il lavoro di Blanc per il nuovo stadio) ma da pessimi conoscitori di calcio. Il progetto sportivo fa acqua da tutte le parti ed i risultati a dir poco negativi sono sotto gli occhi di tutti: gioco inesistente, squadra in difficoltà contro qualsiasi avversario, giocatori sfiduciati e vogliosi di andarsene; capitale umano enormemente svalutato, tutti fanno la figura dei brocchi anche contro avversari modesti (il Catania è ultimo in classifica e abbiamo giocato in casa). Blanc deve fare meno il galletto: è presuntuoso e non vuole ammettere le carenze societarie. Deve tornare dietro una scrivania a fare il contabile e lasciare la gestione sportiva agli uomini di sport: in questo senso il probabile ritorno di Bettega è un’ottima notizia. Secco non ha mai dato, da parte sua, la sensazione di essere un grande del mercato: acquisti fallimentari a peso d’oro fatti senza riuscire ad individuare le reali necessità della squadra, e cessioni improvvide di ottimi giocatori quasi regalati (uno per tutti, Criscito, giubilato solo per aver subito un colpo di Judo da parte di Totti). Ferrara è in evidente stato confusionale ma, cosa ancora più grave, non appare lucido nell’analisi dei problemi e quindi non in grado di imprimere una svolta. A questo punto bisogna avere il coraggio di ammettere il fallimento della conduzione tecnica, intesa nel suo complesso, e correre ai ripari: occorre in primis un allenatore-manager esperto sul modello di quello che vediamo nelle squadre inglesi, affiancato da un Direttore Tecnico o Direttore Sportivo in gamba. Insisto nel dire che, secondo me, i giocatori ci sono, è tutto il resto che manca: gioco, schemi, conduzione tecnica efficace, società completa in tutti gli organici con uomini di valore e provata capacità.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Leonardo, Ferrara, Mourinho: il buono, il brutto ed il cattivo.

Posted on 14 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , , , , |

Leonardo è il buono: sempre gentile e cortese nei modi, disponibile, educato. Certo che non è del tutto adeguato ad allenare una grande squadra, ma sta studiando per diventarlo. Alle spalle ha una Società robusta e rodata che lo consiglia, lo protegge, lo sostiene, anche se tutto ciò non basta ad evitare sconfitte interne come quella contro il Palermo. Attualmente è un mediocre allenatore dilettante.

Ferrara: il brutto del trio. La sua squadra ha un gioco talmente brutto da essere inguardabile ed i risultati sono ridicoli, soprattutto se messi a confonto con gli sforzi economici societari. A differenza di Leonardo, non ha alle spalle nessuno: la Juve non ha un Direttore Sportivo né una struttura adeguata, nonostante Blanc sostenga il contrario. Né Blanc né Ferrara sembrano avere una lucida visione dei problemi esistenti, figuriamoci delle soluzioni. Ferrara, scommessa persa, è anche lui, come Leonardo, un mediocre allenatore dilettante.

Mourinho: qui siamo di fronte ad un bravo allenatore, ma anche ad una pessima persona. Ieri ha insultato e messo le mani addosso ad un giornalista. I suoi rapporti con la stampa ed il pubblico sono pessimi; forse cominciano a scricchiolare anche quelli con l’Inter. È sempre in guerra contro qualcuno, deve esserlo, altrimenti potrebbe perdere grinta ed efficacia. Forse lo fa apposta per essere cacciato e tornarsene, con un sacco di soldi in più, in Inghilterra.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

JUVENTUS: ALTRO TRACOLLO

Posted on 12 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , , , , |

Altro tracollo della Juventus a casa del Bari: 3-1 a favore della squadra pugliese. Non è stata la peggior partita della Juve: i giocatori si sono impegnati molto e con intensità, ma ancora una volta è apparsa evidente la totale mancanza di organizzazione. Ferrara manda in campo l’ennesima formazione senza costrutto, con un centrocampo a dir poco discutibile: Tiago sulla destra, Marchiso e Poulsen al posto di Melo. In attacco Trezeguet e Amauri: a parole dovrebbe trattarsi del rombo, ma basta un’occhiata anche superficiale per capire che si tratta di… nulla. Ed infatti il Bari, al contrario molto ben organizzato, si difende con ordine e contrattacca con lucidità. Come scusanti si possono accampare il rigore inesistente concesso al Bari, ma obiettivamente bisogna ricordare che anche alla Juve ne è stato concesso uno molto dubbio, per altro malamente calciato da Diego sopra la traversa.

La Juventus non gioca con tranquillità, Ferrara sembra essere nel… pallone: le formazioni in campo sono cervellotiche, prive di senso così come assurde le sostituzioni in corso di gara. E’ evidente che la Juventus, come ho già detto in post precedenti, paga a caro prezzo la mancanza di una conduzione tecnica competente, Ferrara è un improvvisatore (avrebbe dovuto fare gavetta allenando squadre meno impegnative) e non c’è nessun altro, nell’organigramma societario, in grado di fargli da spalla. La campagna acquisti è condotta dal consiglio di amministrazione: ma si è mai vista una cosa del genere? Costruire una squadra di calcio vincente è cosa diversa dal costruire automobili.

Per contro, oggi, persino Almiron ha fatto la sua porca figura, così come altrove stanno andando fortissimo giocatori frettolosamente svenduti dall’attuale dirigenza: Criscito, Palladino, persino l’onesto Nocerino, ed ora Almiron, che nella Juve sembrava uno zombie. Attendo con terrore la campagna acquisti e cessioni di gennaio, dove rischiamo di vedere questi geni che amministrano la Juve attuale, vendere Giovinco e Amauri per quattro soldi e prendere al loro posto gente che, perdurando il caos tecnico di adesso, è destinata a non toccare palla. Il problema non sono i giocatori, il problema è come sono messi in campo. Facciamolo capire a Blanc, che anche oggi ha detto che la società va bene così com’è in quanto ha tecnici e dirigenti di altissimo livello. Beato lui, se questi sono i risultati… Quando gli hanno riferito che gira voce di un ritorno di Bettega, è apparso guardingo e sulla difensiva. Appello alla proprietà: serve un direttore sportivo, serve un allenatore capace, un allenatore-manager in grado di ridare fiducia all’ambiente ed ai giocatori.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Bilancio di Champions

Posted on 10 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , , , |

L’Inter e la Fiorentina si sono aggiunte al Milan qualificandosi per la fase successiva. I nerazzurri hanno fornito un’ottima prova con Zanetti su tutti. La Fiorentina ha confermato il suo buon momento e la validità del lavoro portato avanti da Prandelli. Della Juve e delle sue carenze.ho già detto in modo approfondito. Peccato, perché se i bianconeri non fossero stati l’armata brancaleone che attualmente sono, le squadre italiane a passare la fase a gironi sarebbero state quattro su quattro.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Una Juve senza gioco fuori dalla Champions

Posted on 8 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , |

Come era prevedibile per ogni persona dotata di buon senso, la Juventus è stata malamente sbattuta fuori dalla più prestigiosa competizione europea dal Bayern Monaco, che ha vinto a Torino per 4-1. Ed il punteggio non dice tutto sulla effettiva supremazia della squadra tedesca. I problemi della Juve sono tutti, come ho già avuto modo di dire, nella conduzione tecnica, estremamente carente: non ci sono automatismi, non c’è identità tecnica, i giocatori vagano come fantasmi per il campo senza punti di riferimento… Ed è un peccato, perché i giocatori forti ci sono, è il collettivo ad essere assente. E non dobbiamo fare l’errore di considerare brocchi i Diego ed i Melo, è l’allenatore ad essere (mi spiace dirlo) non all’altezza del compito. È vero che Ciro Ferrara è stato il vice di un grande come Lippi, quando però Lippi era – come è tuttora – allenatore della nazionale, e si sa che allenare la nazionale non è come allenare una squadra di club, che consente un lavoro molto più perfezionato, di fino, mentre con la nazionale si selezionano soprattutto i giocatori e si punta sul loro talento individuale e sulla bontà dell’assemblaggio. Ecco, la Juve gioca con l’improvvisazione di una nazionale, e forse non è un caso. La dirigenza farà bene ad investire in una solida e competente conduzione tecnica per il prossimo anno.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

MARCHISIO: GRAN GOL!

Posted on 6 dicembre 2009. Filed under: sport | Tag:, , , , , , |

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

« Articoli precedenti
  • I’m thinking, please do not disturb!

  • Il mio spazio su Smugmug

  • Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per essere tenuto aggiornato sui nuovi post.

    Segui assieme ad altri 19 follower

  • NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET

  • Meta

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: