APPLE, IOS7: LA MELA PIATTA

Posted on 20 settembre 2013. Filed under: informatica, smartphone | Tag:, , , , , |

Giovedì mattina, dopo vari tentativi falliti perché i server di Apple erano irraggiungibili, come milioni di altre persone ho installato iOS7 sul mio iPad. Ho potuto così vedere le famose icone colorate e piatte che tanto hanno fatto discutere. Non voglio dire nulla o quasi sulle nuove funzioni che sarebbero presenti: non vedo reale innovazione, ma solo un modo diverso di fare le solite cose. Poi magari ci saranno nel codice grossi miglioramenti, come il supporto ai 64 bit eccetera, ma dal punto di vista dell’esperienza utente direi che il design è proprio l’aspetto più importante. Ma ciò che maggiormente mi ha interessato, è l’abbandono dello scheumorfismo.

Come ormai dovrebbe essere noto, perché se ne è discusso in tutte le salse, per scheumorfismo si intende l’imitazione della realtà da parte, per quel che ci interessa, di un software. Per esempio, se prendo un appunto sul mio smartphone, potrei vedere apparire l’immagine realistica di un blocnotes, potrei vedere i fogli a righe, o quadrettati, così come potrei vedere un’animazione voltando pagina e persino sentire il rumore della matita che scorre sul foglio. Insomma, vedrei un’imitazione della realtà ed avrei l’illusione di non usare un sofisticato prodotto tecnologico, ma un caro vecchio affidabile blocco per gli appunti.

Lo scopo dello scheumorfismo è evidente: creare un’interfaccia comprensibile che aiuti l’utente facendolo sentire a proprio agio. Sotto questo profilo lo scheumorfismo  altro non è se non un appesantimento del software. Apple è stata la regina incontrastata dello scheumorfismo, che però con iOS7 è stato quasi del tutto abbandonato.

Perché? E’ questo l’aspetto più interessante.

Il motivo di questo abbandono, cui sottintende un vero e proprio cambio di filosofia, è che l’utente medio non ne ha più bisogno. Ormai si usa più il gadget tecnologico che non l’oggetto imitato. L’utente non ha bisogno che lo smartphone imiti il blocco note, avrebbe invece bisogno che il blocco note fosse in grado di imitare lo schermo touch di un dispositivo digitale (cosa ovviamente impossibile). Siamo molto prossimi all’era in cui il lettore di un quotidiano troverà seccante l’assenza di un filmato e che le foto non scorrano se ci si passa sopra un dito.

L’abbandono dello scheumorfismo significa che siamo entrati definitivamente nell’era digitale!

Per quanto riguarda invece le famigerate icone piatte, colorate e minimaliste di iOS7, debbo dire che non le trovo tutte belle. Mi sembra bruttissima quella di Safari, il browser per navigare in internet, appena accettabile quella della fotocamera, non male le altre (ma mi riservo un giudizio più ponderato dopo un certo periodo d’uso).

Certo che tra Windows, iOS e Android, la tendenza al design minimalista la fa ormai da padrone.

Make a Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: