FILM: CESARE DEVE MORIRE, DI PAOLO E VITTORIO TAVIANI

Posted on 27 maggio 2012. Filed under: spettacoli | Tag:, , , , , , , , , , , , , , |

20120526 155428

I fratelli Taviani hanno vinto l’orso d’oro a Berlino con il film Cesare deve morire confermando (non che ce ne fosse bisogno, ad 80 anni suonati, dopo una carriera meravigliosa) tutto il loro valore. Da sempre sono un  grande ammiratore dei due toscani e da buon appassionato di cinema non mi sono lasciato sfuggire l’opportunità di poterli vedere ed ascoltare da vicino a Fabriano, nell’ambito del festival poiesis: nella sala del cinema Montini è stata proiettata questa loro ultima opera e al termine della proiezione i due grandi registi sono apparsi di persona per rispondere alle stimolanti “provocazioni” di Tatti Sanguineti. 

Il film è per metà anche documentario: racconta infatti l’esperienza teatrale di alcuni carcerati a Rebibbia impegnati a mettere in scena il Giulio Cesare di Shakeaspeare. Non è un film lungo e ciò rappresenta un vantaggio considerando che non c’è molta azione: 70 minuti circa, poco più di un’ora per un concentrato di emozioni. Alla domanda se la brevità del film fosse voluta per fare da contrappeso alla lunghezza della detenzione, i due hanno risposto di non averci pensato proprio per niente.

Il film inizia, in modo che ormai potremmo definire classico, dalla fine: gli applausi del pubblico, il termine della rappresentazione. A colori. vedremo tutto il resto in flashback, in bianco e nero, perché il bianco e nero oggi come oggi è da considerarsi meno realistico, quasi surreale, hanno spiegato i registi. Il colore tornerà alla fine del film, dove rivedremo di nuovo gli attori sul palcoscenico di fronte al pubblico, che applaude.

Già, gli attori: bravissimi. Vediamo i loro provini, vediamo in sovrimpressione la condanna riportata ed il reato compiuto (per qualcuno più di uno) per cui hanno riportato la pena. “Con loro abbiamo stretto un legame molto forte” raccontano i registi. “Per contro non possiamo fare a meno di odiare il crimine, la mafia, la violenza. E’ un dilemma che non si risolve perché nella vita non tutto si può risolvere, è la verità.” Il film termina con uno degli attori-carcerati che rientra nella propria cella, si guarda attorno e dice, sconsolato: “Da quando ho conosciuto l’arte, questa cella è una prigione.” La frase è stata veramente pronunciata dall’attore che poi la recita nel film, hanno spiegato Paolo e Vittorio: solo che al posto della parola arte era stata usata in realtà la parola spettacolo

Con il pretesto cinematografico (almeno io lo ho ritenuto tale) che il palcoscenico ancora non è pronto, la troupe effettua le prove in vari ambienti del carcere, tutti diversi eppure tutti spaventosamente uguali, le mura grigie, le finestre con le sbarre, l’esterno solo in fotografia: il mare, ed una sedia in velluto rosso accarezzata da un carcerato che sospira: forse lì si poserà il culo di una bella donna. Ma sono frammenti di umanità su cui la regia non si sofferma più di tanto. Nel film non c’è banale pietà, così come non c’è banale condanna: ci sono in primo piano gli uomini, gli attori, alcuni bravissimi. Solo in alcuni passaggi i fatti privati vengono fuori, ma sono molto rari. Al centro di tutto c’è la rappresentazione scenica, c’è il copione, c’è il testo di Shakeaspeare che ognuno recita nel proprio dialetto. E le parole assumono, all’interno del carcere, di quelle stanze chiuse e disadorne, una forza formidabile.

Cesare è ambizioso, Cesare vuole il potere assoluto, sta per diventare un dittatore: è per questo, per salvaguardare Roma, per tutelarne la libertà, che i congiurati decidono di ucciderlo. E la parola libertà, acclamata in coro da più voci, acquisisce nel contesto, nell’interazione tra rappresentazione e realtà tipica di questo film, una valenza che induce a profonde riflessioni.

I fratelli Taviani ci portano per mano attraverso una sorta di teatro nel cinema, ma la cosa più sconvolgente è la terza dimensione, quella documentaristica, che inevitabilmente si aggiunge alle altre due, quella teatrale e cinematografica, creando un impasto di notevole potenza.

I due registi hanno raccontato che gli attori-carcerati chiedono continuamente come stia andando il film, se piace, se ha successo. Saranno contenti, immagino, di sapere che è stato vinto un premio prestigioso. Quanto al successo di pubblico, non si tratta certo di un film che farà cassetta o scalerà le classifiche del botteghino. Troppo impegnativo per spettatori che attualmente mettono gli occhialini per vedere una orribile simulazione di tridimensionalità (tecnologia vecchissima spacciata per nuova).

Alla fine, dopo che i due grandissimi registi hanno raccontato alcuni aneddoti, anche molto divertenti, riguardanti Zavattini, Fellini, Morricone solo per citare qualche famoso personaggio, sono stati tributati da una vera e propria ovazione da parte delle persone che accalcavano la sala. 

Make a Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: