SOGNO UN PARTITO DEI LAVORATORI DIPENDENTI

Posted on 19 gennaio 2012. Filed under: politica, società | Tag:, , , , , , , , , , , |

Il governo Monti sta tentando, faticosamente, di liberalizzare questo o quel settore. Puntualmente assistiamo allo sdegno di coloro che dovrebbero essere liberalizzati, che si tratti di tassisti, notai, farmacisti o tabaccai poco importa. Nessuno vuole rinunciare ai privilegi acquisiti in decenni di Democrazia Cristiana e partitini alleati (o complici). Nessuno è disposto a fare a meno delle accoglienti sacche di socialismo reale che sono state create a colpi di voto di scambio. Si verifica, anzi, lo strano fenomeno per cui le liberalizzazioni altrui vanno bene, anzi sono essenziali per il progresso del Paese, mentre quelle che riguardano la propria categoria non solo sono sbagliate, ma sono addirittura deleterie. Le lobby sono scatenate e la loro azione è estremamente efficace, perché sono ricche e piene di risorse ed in più, è bene ricordarlo, il parlamento è colmo di loro rappresentanti. Ecco quindi le lotte, gli scioperi, le serrate contro i provvedimenti temuti.
Ed ecco che a pagare finiscono per essere, come sempre, i lavoratori dipendenti che passano, ogni mese, sotto la forca caudina della trattenuta alla fonte. In silenzio ed a testa bassa, perché la lobby del lavoratori dipendenti non c’è.
Il lavoratore dipendente guarda sgomento allo stipendio che non cresce, al potere d’acquisto che diminuisce, alla enormi delle tasse che paga in rapporto a ciò che guadagna, ed al superiore tenore di vita di gente che, a giudicare dalla dichiarazione dei redditi, guadagnerebbe di meno. E non può fare a meno di pensare che è lui a pagare i servizi agli altri, a quelli col Suv da 90.000 euro che non pagano i ticket sanitari, i cui figli godono del presalario e di ogni agevolazione pensabile ed immaginabile, perché risultano con le pezze al culo.
Tutto questo non può andare avanti.
I lavoratori dipendenti, questi benefattori (loro malgrado) di persone più ricche, hanno bisogno di far sentire la propria voce: hanno bisogno di parlamentari, di lobbisti,  di veri sindacati (quelli attuali sono servi di questo o quel partito).
Questi sono i motivi per cui io sto sognando la formazione di un partito, che potrebbe chiamarsi Partito del Lavoro Dipendente: PLD.
Cosa? come? Dite che suona male?

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Una Risposta to “SOGNO UN PARTITO DEI LAVORATORI DIPENDENTI”

RSS Feed for CRONACHE AUTOMATICHE Comments RSS Feed

HAI RAGIONE!
PERò IL NOME DI UN PARTITO DOVREBBE RISPECCHIARE LE IDEE DEL PARTITO
IL NOME LAVORATORE DIPENDENTE FA PENSARE SEMPRE ALLA SOTTOMISSIONE AD UN’ALTRA VOLONTà
IL TERMINE DEMOCRAZIA (POTERE AL POPOLO) CI STAVA BENE .. MA SAPPIAMO CHE NON è ANDATA COSì
A TESTA ALTA (a.t.a.)
DIPENDENTI ALLA RISCOSSA – (d.a.r.)
PARTITO PER LA LIBERTà DEI DIPENDETI (pp.ll.dd)
ecc
🙂


Where's The Comment Form?

  • I’m thinking, please do not disturb!

  • Il mio spazio su Smugmug

  • Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per essere tenuto aggiornato sui nuovi post.

    Segui assieme ad altri 18 follower

  • NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET

  • Meta

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: