WINDOWS LIVE MESH, GRATUITO E POTENTE

Posted on 24 settembre 2011. Filed under: informatica | Tag:, , , , , , , , , |

Ultimamente è tutto un parlare di cloud computing. Tutto sembra doversi spostare su internet, senza più necessità di avere i dati in locale, sul proprio computer. Sono piuttosto contrario a questa radicalizzazione: a parte i problemi di privacy e sicurezza, diverremmo internet-dipendenti (già lo siamo molto), ed i nostri sofisticati apparecchi che tanto amiamo, senza una connessione disponibile, diventerebbero costosi soprammobili. Inoltre c’è il problema dell’upload, lento nelle ADSL asimmetriche.

Tuttavia è indubbio che il cloud computing, in particolare lo stoccaggio dei files in remoto, presenti vantaggi enormi. Apple sta per presentare il suo servizio, che con poca originalità si chiamerà iCloud; altri sono già disponibili: Evernote, Livedrive, Dropbox solo per citare i più famosi e senza alcuna pretesa di essere esaustivi. Cosa fanno tutti questi servizi? Con qualche differenza, più o meno tutti  la stessa cosa: permettono il salvataggio dei file in internet, così che i medesimi siano sempre disponibili anche se usiamo un computer diverso, ed anche la sincronizzazione dei dati. Vale a dire, se modifichiamo un file di word, per esempio, usando il PC 1, quando usiamo il PC 2 il medesimo file si aggiornerà automaticamente e troveremo le modifiche apportate con il PC 1.

Premesso ciò, voglio parlarvi di Live Mesh della Microsoft, di cui non si parla tantissimo ma che, in base alle mie prove, funziona piuttosto bene, è gratuito, ed offre parecchio spazio (5 Giga) per i nostri dati ed è compatibile anche con i Mac.

Tramite un’interfaccia piuttosto semplice ed intuitiva, Live Mesh ci permette di tenere sincronizzate più cartelle tra i nostri PC, anche Mac, oltre che un eventuale spazio SkyDrive, il servizio di storage on line della Microsoft che offre gratis ben 25 giga. Inoltre permette di sincronizzare i preferiti di Internet Explorer e le impostazioni di Office.

Come funziona? La prima cosa da fare è scaricare il software ed installarlo su ognuno dei pc, o dei Mac, che dovranno rimanere sincronizzati. Ognuna di queste macchine, ovviamente, affinché la sincronizzazione possa funzionare, dovrà avere un accesso ad internet. Non è necessario che siano sempre connessi, ma è indispensabile che possano connettersi.

Dopodiché, accedendo al servizio tramite la propria password ed il proprio id-utente, tramite una interfaccia piuttosto semplice ed intuitiva potremo indicare la cartella da tenere sincronizzata, ed indicare i PC che dovranno sincronizzarsi. Ogni volta che uno di questi PC si connetterà ad internet, Live Mesh entrerà automaticamente in funzione (se l’apposita opzione sarà settata, altrimenti si potrà avviare il software manualmente) e verificherà se esiste in internet una versione aggiornata di qualche file. In caso affermativo, provvederà a scaricarla.

Come dicevo, la comodità è enorme. Pensiamo per esempio ad un file presente nel PC dell’ufficio, cui potremo accedere tranquillamente con il PC di casa, apportare qualche modifica alla relazione su cui stiamo lavorando, e trovarla modificata il giorno dopo in ufficio, senza doversi portare dietro chiavette, dischi portatili, oppure usare l’email.

Make a Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: