GIOVANHARDY, L’IKEA, DEVIANTART SITO FETISH: AGGIORNAMENTO STUPIDARIO

Posted on 24 aprile 2011. Filed under: politica, società | Tag:, , , , , , , , , |

Lo stupidario, inteso come raccolta delle scempiaggini, così come proposte dalla stampa, che ne è insieme divulgatrice e co-autrice, si arricchisce sempre di nuova linfa, proprio come quella famosa gattina perennemente incinta. Questa volta agli onori della cronaca assurge Giovanardi, sottosegretario alla famiglia, che per l’occasione soprannomino Giovanhardy: il giovane hard ed i suoi dolori (sicuramente di pancia, non di testa) ma anche Hardy come Oliver Hardy, per la comicità della presa di posizione. Il nostro Carlo Giovanardi, strenuo sostenitore dei diritti costituzionali, ha rilevato un grave attacco alla costituzione nientepopodimeno ché in un manifesto elettorale dell’Ikea, il supermercato della vendita di mobili a basso costo.

75309118

Senza timore di essere tacciato anch’io di attentato alla carta costituzionale, per inciso la stessa carta che i colleghi di partito di Giovanardi vorrebbero modificare un giorno sì e l’altro pure, pubblico lo stesso manifesto e così ha fatto gran parte della stampa, gratis (l’Ikea ringrazia tutti commossa, soprattutto Giovanhardy che ha contribuito così tanto alla diffusione del messaggio. Il prossimo lo stanno già studiando e sarà veramente provocatorio sperando che qualcuno davvero molto importante, si spera il Papa in persona o come minimo Barak Obama, mica un Giovanardi qualunque, possano parlarne, possibilmente in termini negativi. Si pensa ad un Papa nero nudo sul water. Slogan: Da noi il cesso è per chiunque).

Poveri noi! Sì, poveri noi se un politico, un sottoministro o quello che è, si scandalizza per una pubblicità perché usa la parola famiglia  e fa riferimento al mondo gay… ma il nostro austero sorvegliante del rispetto della Costituzione, ha mai visto le pubblicità dei profumi, degli stilisti di moda, dove regna incontrastata l’androginia o come minimo la confusione tra i sessi? E perché non si è mai espresso (ed esposto al pubblico ludibrio, credo) con riferimento a quelle pubblicità? Suppongo che quindi tutto si riduca all’uso della parola famiglia.  Probabilmente il nostro amico non ha tollerato (e già di per sé questo è un difetto, a mio modo di vedere) la parola famiglia accostata all’immagine di due uomini, presumibilmente omosessuali, che si tengono per mano. Il Devoto-Oli elenca sei diversi significati della parola, che non sto a riportare, per cui anche sotto il profilo linguistico lo sdegno giovanahardyano non ha motivo di essere (contrasta a gamba tesa contro la nostra Costituzione, è offensivo, di cattivo gusto. Ikea è libera di rivolgersi a chi vuole e di rivolgere i propri messaggi a chi ritiene opportuno. Ma quel termine famiglia è in aperto contrasto con la nostra legge fondamentale che dice che la famiglia è una società naturale fondata sul matrimonio). Basta, qui le chiacchiere stanno a zero; archivio definitivamente i dolori e le paure del giovane Hardy nello stupidario (basterebbe ricordare che altri Paesi, più civili del nostro, consentono il matrimonio anche a persone dello stesso sesso per coprire di ridicolo la sua spiegazione) e vado avanti.

S20110424_14446_03iamo nel Regno Unito. Una candidata tra le file dei liberaldemocratici, tale Holly-Ann Battye, di 22 anni, viene attaccata dagli esponenti politici degli altri partiti per aver posato come modella in alcune foto presenti sul sito DeviantArt. Anche in questo caso sono fioccate le polemiche, perché alcune di queste foto hanno una tematica fetish… La gattina di cui parlavo all’inizio ha partorito di nuovo, ed ecco lo scandalo, che naturalmente non c’è, ma viene costruito ad arte. A far polemica deve essere stato, ne sono sicuro, qualche quotidiano inglese dello stesso livello culturale del nostro settimanale Eva Express 3000 (ce ne sono, ce ne sono…). Deviantart, che in realtà è un serissimo sito per artisti, viene presentato al pubblico zoticone ed ignorante, tipico di certa stampa, come un sito fetish… che non è assolutamente. Basta andare sul suddetto sito per poterlo verificare senza ombra di dubbio alcuno. Certo, ci possono essere nudi ed anche immagini disturbanti, in campo artistico ciò è sempre avvenuto, però il nostro sito di default ne inibisce la visione a meno che non ci si registri (del tutto gratuitamente) e si dichiari di essere maggiori di età. Insomma, certo non è un sito porno, né fetish, ma tale è diventato solo per poter mettere in cattiva luce una avversaria politica che ha semplicemente fatto da modella (lo stesso lavoro per cui altre donne, più belle della candidata liberaldemocratica, vengono pagate fior di quattrini senza che nessuno abbia da ridire).

Così va (male) il mondo. Così vedono le cose gli occhi dei benpensanti faziosi. Gli stessi del partito dei bunga-bunga, nei cui confronti non hanno mai espresso una parola di sdegno.

Il padrone non si tocca, i suoi vizi si trasformano per incanto in virtù o come minimo in innocui passatempi senili.

Make a Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Una Risposta to “GIOVANHARDY, L’IKEA, DEVIANTART SITO FETISH: AGGIORNAMENTO STUPIDARIO”

RSS Feed for CRONACHE AUTOMATICHE Comments RSS Feed

Sono d’accordo con te! Bel post, da tenere sempre bene in mente.
Secondo te, il porno ci salverà? Ne ho scritto sul mio blog, non puoi non venirmi a trovare, anzi, a leggere! Ti aspetto!!

http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2010/08/31/viva-il-porno/


Where's The Comment Form?

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: