DOPO SPITTY CASH, TRUCE BALDAZZI: IL RAP FAI DA TE E’ TRASH

Posted on 7 febbraio 2011. Filed under: musica | Tag:, , , , , , , |

Il rap è facile: una musichetta ripetitiva a fare da sfondo ad una filastrocca con più o meno senso. Facile??? Provate un po’ voi a vomitare un fiume di parole senza intrecciarvi mai! E’ tutt’altro che facile, e l’esperienza estetica di Truce Baldazzi (o Trucebaldazzi tutto attaccato, da qualche parte è scritto così) lo dimostra. Il nostro odia la scuola, odia gli insegnanti, odia tutti quelli che pensano positivo perché tanto è inutile: la vita è una merda. Nutre del rancore feroce verso i suoi compagni che lo prendevano in giro perché nessuno, ma proprio nessuno, ha capito che lui aveva difficoltà a comprendere… Ah sì, ce l’ha anche con la sua ex ragazza, indovinate un po’ perché?

Vendetta vera (odio la scuola)–Il “credo” di truce Baldazzi.

Sotto il profilo musicale, ovviamente, Truce Baldazzi non dice nulla di nuovo; sotto il profilo filosofico, è talmente impastato di negativismo e pessimismo da fare invidia ai Grandi Maestri del genere (lascia un po’ a desiderare quanto ad approfondimento). Ciò che a mio parere rende differente Truce Baldazzi da tutti gli altri, è la assoluta personalizzazione del suo pensiero. Lui non ce l’ha con la scuola come istituzione, no: lui ce l’ha proprio con il suo istituto, che nomina in modo esplicito mentre ci canta davanti in un video. Non ce l’ha con le donne: no, solo con la sua. Raramente va dal particolare all’universale: quando lo fa, è per prendersela con tutti coloro che vorrebbero pensare positivo, perché pensare positivo non solo è inutile, ma anche impossibile, e chi insiste nel volerlo fare lo dice ma non lo fa, e se lo dice è perché sta macchinando qualcosa nei vostri confronti, magari vuole solo rendervi ingenui.

Il “troppo odio” di Truce Baldazzi.

In precedenza un fenomeno analogo era stato quello di Spitty Cash, rapper italo-rumeno che aveva spopolato con la canzone Difficoltà nel ghetto.

Spitty Cash–“Difficoltà nel ghetto”

Nonostante le buone intenzioni, un po’ approssimative (“i bambini poveri”), Difficoltà nel ghetto è un video esilarante ed in quanto tale è stato un successone. Ecco cosa accomuna Truce Baldazzi e Spitty Cash: i loro fan sono i loro stessi detrattori. E’ tutto un fiorire di parodie, di prese in giro; naturalmente, tutto questo successo (perché di successo si tratta, in ogni caso) non sarebbe mai stato possibile senza internet e senza le piattaforme di condivisione video (in primis, You Tube).  Ci sarebbe da disquisire su come mai la rete sia in grado di portare fama  anche a chi non avrebbe mai sfondato sui media tradizionali, ma sarebbe un discorso troppo lungo e difficile da affrontare, almeno ora (dopo aver sentito Truce & Spitty).

I due comunque sono ormai delle celebrità, famosi sul versante trash, ma neanche tanto. I loro dischi, probabilmente autoprodotti, stanno per invadere il mercato. In modo particolare Spitty Cash sembra essersi affrancato dal suo esordio involontariamente comico ed ora è in grado di presentare canzoni nettamente migliori (anche la pronuncia è migliorata parecchio).

Il “nuovo” Spitty Cash.

Ed ora, se vogliamo, possiamo goderci delle interviste ai due artisti di cui abbiamo parlato. Cominciamo con quella a Spitty Cash, in due parti:

Intervista a Spitty Cash–parte 1.

 

Parte 2.

Dopodiché, possiamo goderci l’intervista alla star del momento, Truce Baldazzi:

Intervista a Truce Baldazzi.

A riprova del fatto che, come genere musicale, il rap sia davvero inflazionato, possiamo gustarci la fatica di Metal Carter, Pagliaccio di ghiaccio. Non si capisce se questo autore, vestito con una maglietta da giocatore di basket, voglia essere preso sul serio o no: a dispetto di un testo potenzialmente scandaloso, il risultato finale è trash come non mai e la risata è sicura. Attenzione alla prima strofa: vuole essere sul serio tremenda , oppure è solo una goliardata? L’effetto shock, comunque, non è raggiunto; musicalmente invece siamo un pochino superiori a Truce Baldazzi e Spitty Cash. Però temo che Metal Carter, nonostante le parole accuratamente scelte per fare colpo, sia troppo normale per avere successo in rete: non è così scarso come gli altri due, ma non è neanche così bravo da poter gareggiare con i rapper affermati.

“Pagliaccio di ghiaccio, lo so non ti piaccio…”
Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • I’m thinking, please do not disturb!

  • Il mio spazio su Smugmug

  • Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per essere tenuto aggiornato sui nuovi post.

    Segui assieme ad altri 18 follower

  • NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET

  • Meta

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: