PRANDELLI FOR PRESIDENT

Posted on 18 novembre 2010. Filed under: politica, società, sport | Tag:, , , , |

Come allenatore, Prandelli mi è sempre piaciuto. Adesso, dopo la partita tutt’altro che eccezionale contro la Romania, ho capito che il nostro Paese ha finalmente trovato uno che pensa le cose giuste e le dice chiaramente. Imbarbariti da una tv facile per palati di bocca molto buona e che esiste solo come pretesto per mandare in onda gli spot pubblicitari, sia quelli evidenti sia quelli occulti destinati a compiacere il partito politico di appartenenza; imbarbariti da una classe politica priva di cultura, di valori e di slanci idealistici, ricurva narcisisticamente su se stessa per organizzare festini ed incontri con prostitute o transessuali; imbarbariti da un celodurismo leghista antistorico e decadente, del tutto inadeguato a capire e gestire lo spirito dei tempi moderni… Ecco che tra tanta nebbia finalmente l’allenatore della nazionale di calcio esterna un paio di verità sacrosante: la prima, che l’Italia è un Paese multietnico e che chi non se ne è accorto è in malafede oppure è un bamboccio. La seconda, che chiunque abbia un passaporto italiano è italiano (ed in quanto tale, se merita, possa giocare in nazionale). Vorrei altrettanta capacità di sintesi ed altrettanta chiarezza ed altrettanta intelligenza da qualcuno degli attuali leader politici.
Ottimo Prandelli, dunque. Ottimo per l’abbraccio simbolico a Balotelli, colpito dai soliti “buuuu” di qualche imbecille, probabilmente gli stessi che hanno esposto uno striscione (in italiano) dai contenuti razzisti. Prandelli ha detto che lui quella gente non la conosce e non la vuole nemmeno conoscere. Lui vive a Brescia, ha spiegato, ed è sufficiente vivere a Brescia per rendersi conto che il mondo è cambiato e che anche l’Italia è cambiata. Niente di diverso da quanto è accaduto un po’ dappertutto.
Nel proprio orticello, aggiungo io, c’è sempre meno spazio per le verdure di casa.
Dobbiamo passare (o meglio deve farlo chi ancora non ha capito per che verso gira il mondo) da una cultura di emarginazione dello straniero ad una di integrazione. Abbiamo bisogno di calciatori così come di artigiani, professionisti, gente giovane in genere. Abbiamo bisogno di forze nuove per un popolo vecchio e dobbiamo imporre solo la legalità, non il capriccio di un Berlusconi e tanto meno il razzismo strisciante delle camicie verdi, ma neanche il buonismo assistenzialista e di facciata della sinistra.
Prandelli for President!

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • I’m thinking, please do not disturb!

  • Il mio spazio su Smugmug

  • Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per essere tenuto aggiornato sui nuovi post.

    Segui assieme ad altri 18 follower

  • NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET

  • Meta

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: