NUOVO ATTENTATO ALLE LIBERTA’ DIGITALI!

Posted on 14 novembre 2010. Filed under: internet, politica, società | Tag:, , , , , |

Le lobby italiche dell’industria musicale e/o cinematografica debbono essere proprio passate all’attacco se persino l’AGCOM, Autorità per le Garanzie nelle COMunicazioni, sembra si sia fatta promotrice di una iniziativa a dir poco discutibile, al punto che viene seriamente da chiedersi a chi vada riferita la parola Garanzie: all’utente, oppure ai cosiddetti detentori dei diritti? Per ogni link utile potete andare alla mia pagina su Facebook NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET (e magari aderire se vi piace e siete d’accordo).

In base a quanto trapelato, sembra che in cambio di un accordo sulla futura banda larga tramite fibra, agli ISP verrà chiesto di trasformarsi in guardiani-spioni sul comportamento degli utenti. L’AGCOM si trasformerebbe quindi in un mostro peggiore del famigerato HADOPI francese… Qualunque detentore di diritti (poniamo, per esempio, un’autore di musica) che incappi sul web in un sito che consenta di scaricare illegalmente la sua canzone (ma è sufficiente anche che un semplice link) potrà chiedere l’oscuramento del sito, dopodiché una velocissima procedura amministrativa tramite email darà cinque (5!) giorni di tempo al proprietario del sito per difendersi. A causa del famigerato decreto Romani, che comincerà d’ora in avanti a far sentire i propri nefasti effetti, queste norme si applicheranno ad un sacco di situazioni (per esempio le dirette in streaming delle partite di calcio) per cui prevedo che, tra breve, il nostro accesso ad internet sarà totalmente parziale perché saranno così tanti i siti ed i domini tagliati fuori, da ritrovarci in condizioni simili alla Turchia dove una volta su due le URL non si trovano (provare per credere). Il tutto per garantire i consueti privilegi, ormai insostenibili alla luce del progresso tecnologico e cambiamento sociale in atto, ai soliti noti: case cinematografiche, discografiche, editoria, televisioni commerciali.

In sostanza il discorso che sta facendo l’AGCOM, sarebbe: bene, noi andiamo avanti con la fibra e la banda larga, in cambio instaureremo un regime poliziesco sulla retre. Se le informazioni corrispondono al vero, allora vuol dire che ci sono già stati un sacco di discorsi tra i fornitori d’accesso, che premono per un ammodernamento delle infrastrutture informatiche del paese, e le lobby in questione. Per fare un esempio:

ISP: Siamo in ritardo rispetto al resto del mondo, vogliamo la banda larga e la fibra!

AGCOM: Ok, per me va bene! Creiamo una struttura per la promozione di una internet sempre più veloce!

LOBBIES: Ma che, scherziamo? Fermi tutti! Gia bastano pochi minuti per scaricare un CD! La banda è già sin troppo ampia! Così non va! Remeremo contro, faremo causa a tutti, non finanziamo più niente!

PARLAMENTARI, POLITICI, FACCENDIERI IN CORO (preoccupati): Come, niente più regalini? Niente più finanziamenti al partito? Aspettate, facciamo qualcosa!…

AGCOM: Ho un’idea! Voi non ci rompete più i coglioni sulla banda larga, in cambio gli ISP saranno i vostri delatori! Passeranno dalla vostra parte! Spieranno ciò che fanno gli utenti in modo da segnalarvi ogni abuso e consentirvi di fare causa a destra a manca per la tutela dei vostri diritti! Che ne pensate?

Buffo, no? Anzi no, è tragico. Più o meno le cose debbono essere andate proprio così. Pensate che tra le misure allo studio c’è anche l’impedimento di scaricare file di grosse dimensioni! Saremo l’unico paese al mondo a non poter scaricare, per esempio, una distribuzione Linux, del tutto legale e gratuita… Avremo YouTube ridotto ad un groviera, un sacco di domini per noi italiani saranno inaccessibili e rimarremo per sempre i parenti poveri della rete, la Cenerentola del web.

In poche parole, viene negato un diritto elementare, quello della neutralità di internet, per cui l’ISP fornisce la banda e l’utente la utilizza come gli pare; quello per cui l’ISP non è responsabile di ciò che fa l’utente; quello per cui internet non deve trasformarsi in una sorta di TV. Sentiamo il bisogno di un’altra televisione? Direi proprio di no.

Al solo timore di uno starnuto o di un sopracciglio alzato da parte di questi nababbi che vogliono eliminare la nostra privacy e limitare la nostra libertà per tutelare un vecchio modo di fare business, gli ISP non esiteranno a vendere per trenta denari i propri utenti, non esiteranno a rimuovere contenuti, opinioni indesiderate, libere espressioni considerate politicamente non corrette e quindi corrotte, interi siti; non esiteranno a oscurare indirizzi IP, introducendo di fatto la peggiore censura che si sia mai vista in Italia nell’ultimo mezzo secolo.

L’unica speranza è che questo progetto non veda la luce (sul sito dell’AGCOM non ce ne è traccia; e ti credo…).

Lunedì (domani) dovremmo saperne di più.

Ricordo la mia idea: per i cittadini, gli utenti ed i consumatori non c’è altra strada se non evitare di dare soldi a questi signori, sappiamo come (evitare accuratamente acquisti di CD, DVD, non andare al cinema). Visto l’attuale livello della produzione "artistica" (siamo ridotti al 3D cogli occhialini come 50 anni fa, pensa un po’ che innovazione!) non perderemo granché.

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: