MOVIOLA: L’INIZIO DELLA FINE (finalmente)

Posted on 27 luglio 2010. Filed under: spettacoli, sport | Tag:, , , |

Ho letto di buoni propositi da parte della RAI: abolire finalmente la moviola (non del tutto: saranno esaminati solo tre casi per ogni giornata di campionato), e vorrei tanto che anche Mediaset, ma soprattutto SKY, per fare un salto di qualità, la eliminassero in toto od almeno facessero altrettanto. Invece rischiamo, su quelle frequenze, di assistere ancora a strenui dibattiti rigore/non rigore, fuorigioco/posizione regolare, e via discorrendo, con il codazzo di perdenti che si sentono “defraudati”, “derubati”, di vincenti che al contrario lodano la terna arbitrale come minimo “attenta”, “che non si è fatta sfuggire la partita di mano”, che nonostante le provocazioni della squadra avversaria ha mantenuto “serenità di giudizio”.
Non sarei del tutto contrario alla moviola, se non si fosse trasformata nel mostro attuale. Per esempio, ricorrere alla moviola per valutare il fuorigioco è quasi sempre decisivo; idem per quanto concerne il tipico gol-non gol, ovvero valutare se il pallone ha superato o meno la linea di porta.
Pollice verso, invece, in tutti gli altri casi, per esempio valutare se un fallo è da ammonizione, espulsione, rigore. Questo perché l’immagine rallentata è spesso ingannevole: sottrae a chi guarda ogni informazione riguardo la forza impressa nell’azione, la velocità, la cattiveria. Certi frangenti di gioco andrebbero sempre rivisti a velocità normale, non rallentati. Ma anche a velocità normale entrano in ballo altri fattori che sconsigliano l’impiego della moviola: in genere si tratta di riprese effettuate con lunghi teleobiettivi (non potrebbe essere diversamente) che, come dovrebbe essere noto ad ogni appassionato di fotografia, appiattiscono la prospettiva dell’immagine ripresa. Detto in altre parole, due giocatori che corrono affiancati a distanza di mezzo metro l’uno dall’altro, se ripresi di lato possono sembrare toccarsi, spingersi, sgomitare. Ma si tratterebbe solo di un’illusione ottica. In questi casi la moviola non solo non aiuta per niente, ma addirittura può essere foriera di errori interpretativi.
Ma non basta. La moviola è diventato, secondo me, un cancro che via via si è espanso in metastasi sino ad invadere ogni spazio. A farne le spese sono stati in primis proprio i momenti di approfondimento prettamente sportivi. I dopo partita e le altre trasmissioni si sono trasformati in un pianto greco di sconfitti astiosi e garruli che passano al setaccio ogni episodio, anche i più insignificanti, per giustificare la sconfitta ed addossare le colpe all’arbitro. E non finisce qui: entrano in scena i sedicenti esperti che sulla base delle sentenze “moviolistiche” stilano classifiche personalizzate, declamano i campionati “falsati”, incitano all’odio le tifoserie e provocano i tecnici, i giocatori, i presidenti, alla ricerca spasmodica dello scoop, della polemica, del titolone. Sorprende ma non del tutto che in questo clima e in base alle asserzioni di questa stampa sia maturato “calciopoli”, ormai sempre più chiamato “farsopoli”. Calciopoli è figlio legittimo e naturale al contempo della moviola tv e dell’uso improprio che ne è stato fatto.
Eliminare, sia pure parzialmente, questo mostro è segno di coraggio e lungimiranza. Il mio plauso alla RAI, che spero premiata dagli indici di ascolto in modo che anche gli altri competitor siano stimolati a fare scelte altrettanto importanti (e giuste).

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • I’m thinking, please do not disturb!

  • Il mio spazio su Smugmug

  • Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per essere tenuto aggiornato sui nuovi post.

    Segui assieme ad altri 18 follower

  • NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET

  • Meta

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: