ARRIVA (FINALMENTE) L’AUTO ELETTRICA

Posted on 18 maggio 2010. Filed under: economia, scienza, società | Tag:, , , , , |

La tecnologia legata al motore a scoppio è ormai vecchia ed inquinante. Non credo che ci saranno in futuro grossi miglioramenti, mentre sono convinto che il costo di gestione salirà sempre più, tra assicurazione, bolli, ma soprattutto costo del carburante. Ben diverso sarà, invece, il futuro dell’auto elettrica: probabilmente i governi di tutti i paesi vareranno misure fiscali per agevolarne l’acquisto e la diffusione; zero bolli, sconti sulle polizze assicurative, ma soprattutto il “pieno” al costo di un paio di euro.
Il motore elettrico avrebbe tutto per essere perfetto: è silenzioso, non inquina, è potente, ha una coppia così elevata che un organo come il cambio sarebbe inutile oppure, se presente, fortemente semplificato. L’unico problema è la durata ed il peso delle batterie. Le attuali tecnologie presentano i seguenti difetti: scarsa autonomia (ovvero percorrenza in chilometri) rispetto al peso ed agli ingombri, lunga attesa per la ricarica. Ma sono fiducioso che il settore delle batterie ci regalerà in un futuro ormai non lontano l’accumulatore ideale: lunga autonomia, peso leggero, ingombro ridotto, veloce ricarica.
Comunque sia, l’auto elettrica sta finalmente arrivando sul mercato, disponibile come prodotto di massa. La prima ad essere commercializzata in grandi volumi sarà la Nissan Leaf, costo circa 30.000 euro, 5 posti comodi, 160 km di autonomia, velocità massima 140 km/h, accumulatori al litio ricaricabili in otto ore al 100% (all’80%, ricarica veloce in mezz’ora).

Altri modelli di altre marche seguiranno: la strada è segnata, ma la velocità di diffusione dell’auto elettrica dipenderà tutta dal gradimento del mercato. E’ vero, come autonomia ancora non ci siamo (160 km sono pochini), ma è un dato destinato a migliorare. Anche il prezzo dovrà dimezzarsi, secondo me… ma pensate un po’, dopo acquistata il costo di gestione sarà vicino allo zero! Nulla si sa sugli accessori (impianto hifi, climatizzatore, riscaldamento… elementi, questi, destinati ad impattare in misura considerevole sull’assorbimento elettrico e quindi sulla durata di una ricarica).

Una volta risolto il problema delle batterie, l’auto elettrica diverrà velocemente la padrona delle nostre strade e farà sembrare il vecchio motore a scoppio, per quanto raffinato, un rottame ansimante e sbuffante.

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • I’m thinking, please do not disturb!

  • Il mio spazio su Smugmug

  • Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per essere tenuto aggiornato sui nuovi post.

    Segui assieme ad altri 19 follower

  • NO ALLA CENSURA ED ALLE LEGGI SPECIALI PER INTERNET

  • Meta

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: