VI SEMBRA UN BAZOOKA? L’OBBEDIENZA NON E’ UNA VIRTU’

Posted on 6 aprile 2010. Filed under: politica, società | Tag:, , , , , , , |

Vi sembra un bazooka, un’arma pronta a colpirvi? Voi siete su un elicottero dotato di armi potenti e sofisticate. Dall’alto vedete un pugno di civili che chiaramente non portano una divisa e non manifestano intenzioni ostili: due sono fotografi ed hanno con sé alcuni teleobiettivi, come quello raffigurato qua sopra. I militari americani pensano che siano bazooka, e sparano. Una serie insistita di mitragliate. Muoiono così due fotografi della Reuter, due bambini, ed altre persone: una dozzina di civili in tutto. Ed i commenti dell’equipaggio assassino, sono ributtanti. Il tutto è svelato dal sito specializzato in informazione alternativa Wikileaks,  che ha pubblicato un video della “missione” (si fa per dire). I fatti risalgono a circa due-tre anni fa, ma non importa, non è la loro attualità ad essere importante:  è ciò che ci gira intorno ad essere marcio. Il governo americano ha commentato dicendo che i militari si sono comportati correttamente, obbedendo agli ordini, rispettando le regole di ingaggio. Ed è qui che vi voglio. Chi l’ha detto che rispettare gli ordini, obbedire, possa significare essere esenti da colpe? Di fronte a chi? Come potremo evitare che simili fatti si ripetano se possiamo giustificare ogni cosa, anche i crimini più gravi, con concetti vaghi e stantii quali l’obbedienza, il rispetto degli ordini, dei regolamenti? Certo, mi direte, provaci tu a stare sopra quell’elicottero, a sorvolare un territorio che pullula di terroristi con bazooka pronti a farti fuori in un batter di ciglia, e poi ne riparliamo. Per carità, comprendo tutto, comprendo l’eccitazione, l’ansia, la paura, posso arrivare a comprendere l’errore, ma non comprendo quei commenti che dicono: sono stati bravi soldati, hanno obbedito, hanno rispettato le regole d’ingaggio… Come se essere soldati debba per forza significare lasciare il cervello e l’umanità chiusi nel cassetto del comodino… ma forse è proprio così…

E’ ora che l’umanità cambi e che i singoli individui, divisa o no, militari o no, tornino ad assumersi le proprie responsabilità e tornino a disobbedire quando il dogma dell’obbiedienza ripugna alla propria coscienza. Non lo dico io, o meglio lo dico io ma prima di me l’ha detto un prete, Don Lorenzo Milani. Io non ho simpatia per i preti in quanto tali, ho ammirazione per le persone intelligenti, e questo tizio qua intelligente lo è stato, e come.

Ecco cosa scrisse ai cappellani militari a sostegno dell’obiezione di coscienza:

Se vedremo che la storia del nostro esercito è tutta intessuta di offese alle Patrie degli altri dovrete chiarirci se in quei casi i soldati dovevano obbedire o obiettare quel che dettava la loro coscienza. E poi dovrete spiegarci chi difese più la Patria e l’onore della Patria: quelli che obiettarono o quelli che obbedendo resero odiosa la nostra Patria a tutto il mondo civile? Basta coi discorsi altisonanti e generici. Scendete nel pratico. Diteci esattamente cosa avete insegnato ai soldati. L’obbedienza a ogni costo? E se l’ordine era il bombardamento dei civili, un’azione di rappresaglia su un villaggio inerme, l’esecuzione sommaria dei partigiani, l’uso delle armi atomiche, batteriologiche, chimiche, la tortura, l’esecuzione d’ostaggi, i processi sommari per semplici sospetti, le decimazioni (scegliere a sorte qualche soldato della Patria e fucilarlo per incutere terrore negli altri soldati della Patria), una guerra di evidente aggressione, l’ordine d’un ufficiale ribelle al popolo sovrano, la repressione di manifestazioni popolari?

 

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: