DELL Studio XPS 8100 & MONITOR DELL 2209WA (recensione…)

Posted on 7 febbraio 2010. Filed under: informatica | Tag:, , , , , |

Ok, non sarà una recensione tecnica al 100 %, per la quale esistono siti specializzati molto validi, ma ecco qua la MIA recensione di quest’accoppiata tutta DELL. Perché faccio questa recensione e non altre? Perché questa roba l’ho comprata, ovvio, per cui tutto ciò che dirò è frutto della diretta esperienza. Intanto vi dico perché ho scelto questi componenti: il monitor perché avevo l’esigenza di passare ad un pannello non TN per via della qualità dei colori (sono appassionato di fotografia) e perché i monitor TN, come quello che avevo prima, hanno un grave difetto per chi si occupa di grafica, anche se a livello amatoriale come me, poiché come cambia l’angolo di visuale cambiano anche i colori e la luminosità dell’immagine. Così io, che amo certe volte stare stravaccato sulla mia poltroncina mentre elaboro una fotografia RAW, col TN ero costretto a raddrizzarmi e mettermi composto, mentre ora posso spostarmi a destra e sinistra, in alto e in basso senza variazioni. Sembra una stupidaggine, detta così, ma la realtà è che i pannelli TN (che sono anche i più economici) vanno bene per i giocatori di videogame in virtù della loro elevata velocità, mentre non vanno bene per i fotografi ed i grafici in generale proprio per la scarsa accuratezza nella riproduzione dei colori e la variabilità di questi ultimi in base all’angolo di visuale. Ecco perché sono passato ad un monitor che, senza svenarmi (quelli professionali possono costare migliaia di euro) mi consente tuttavia una buona qualità. La scelta è caduta su un 22 pollici dopo aver a lungo ragionato sui 24 pollici disponibili (e dal costo ragionevole). Poi il mio sito di fiducia per quanto riguarda i monitor mi ha convinto ad acquistare questo DELL che ha un’ottima calibrazione dei colori: il modello è il 2209WA. Se andate sul sito DELL lo potete trovare sia con il telaio nero sia con il telaio silver: io l’ho preso silver. Dicevo del mio sito di fiducia: PRAD. Se volete leggere la recensione in inglese del mio monitor, cliccate QUI.  Il sito è quanto di meglio si possa chiedere per il test dei monitor.

Dunque, il monitor DELL 2209WA ha una risoluzione di 1680 x 1050 pixel e monta una pannello e-IPS, dove la e sta per economico; caratteristica che farà piacere al nostro portafogli senza dispiacere al nostro sgusto estetico, perché è un bel monitor in grado di visualizzare immagini di elevata qualità e con i colori calibrati anche senza regolazioni, purché si lasci selezionata la modalità standard. Io comunque ho una sonda Spyder Pro della Datacolor che uso per la calibrazione del colore raggiungendo risultati eccellenti. La costruzione è ottima, il menù OSD (On Screen Display) è facile ed intuitivo. I bottoni per il funzionamento sono incastonati nell’angolo destro della cornice, in verticale. Quello di accensione presenta un bel led blu quando il monitor è acceso, che diventa giallo quando entra nella modalità di risparmio energia. Questo monitor, pur essendo amatoriale, visualizza immagini di qualità spettacolare per contrasto, colori e nitidezza. Al di sotto dei 500 euro è veramente difficile trovare di meglio e devo dire di essere piuttosto soddisfatto dell’acquisto. Un’ultima cosa: il monitor fa anche da hub USB alimentato, il che non guasta. Ha due prese sul retro e due sul lato sinistro del telaio. Niente webcam incorporata e niente altoparlanti, come è giusto che sia per un apparecchio specializzato in una cosa sola: visualizzare nel modo migliore possibile. A dir la verità sul sito DELL è possibile acquistare un aggeggio multimediale che si aggancia al monitor;  ve lo sconsiglio, gli altoparlanti sono di qualità modesta ed il design dell’attrezzo ne risente, molto. Quanto ai settaggi, è necessario ridurre la luminosità perché, come in tutti i monitor LCD, l’impostazione di fabbrica è eccessiva e rischia di “bruciarvi” gli occhi dopo poche ore di lavoro: come suggerito da PRAD io l’ho ridotta a 10, il contrasto l’ho lasciato su 75, la modalità colore su standard, che garantisce già un buon bilanciamento anche senza calibrazione. Più o meno, tutto qua.

Il desktop invece è un DELL Studio XPS 8100. Se siete interessati è meglio che andate sul sito DELL perché i modelli cambiano spesso col cambiare del mercato ed in ogni caso sono sempre possibili le personalizzazioni come il cambio della scheda video, l’aumento della RAM o della capacità dei dischi rigidi. Il mio vecchio PC era un assemblato dotato di un Pentium IV e 2GB di RAM: ancora funziona ma cominciava a soffrire la pesantezza delle immagini RAW della mia Canon 5D Mark II, tanto per dirne una. Ecco la necessità, quindi, di un aggiornamento.

La mia configurazione:

Base
Studio XPS 8100: processore Intel Core i7 860 (2,80 GHz, 8 MB)
Memoria
Memoria DDR3 a doppio canale da 8.192 MB (4×2 GB), 1.333 MHz
Tastiera
Tastiera USB Dell™ Entry, italiano (QWERTY)
Scheda video
Scheda grafica singola NVIDIA® GeForce™ GTX 260 da 1,8 GB
Unità disco rigido
Doppio disco rigido RAID 0 “Stripe” da 2 TB (2×1 TB, 7.200 rpm)
Sistema operativo Microsoft
Windows® 7 Home Premium autentico 64 Bit – Italiano
Mouse
Dell 2 Button USB Optical Mouse
Dispositivi ottici
Unità ottica DVD+/- RW 16x (lettura e scrittura DVD e CD) (solo Windows 7)
Schede audio
Integrated HDA 7.1 Dolby Digital Audio

Il case è abbastanza robusto, diciamo nella media, è piacevole al tatto ed è color bianco panna tranne che sul frontale, nero lucido. Il frontale si elettrizza facilmente ed è una calamita per la polvere; io l’ho pulito passandoci sopra un fazzolettino di carta inumidito con Vetril, che ha una funzione antistatica, ed ora è pulito… Sulla parte superiore c’è una comoda vaschetta che può contenere, per esempio, un lettore mp3 oppure uno smartphone, con due prese USB, una presa per le cuffie ed una per il microfono. Sotto, frontalmente, c’è un insieme di fessure in grado di leggere tutte le memorie digitali conosciute, più in basso il masterizzatore CD-DVD, scendendo ancora più giù troviamo uno sportellino che nasconde altre due prese USB. Altre quattro sono sul retro, insieme ad una presa eSATA, la presa video DVI (anzi sono due), i connettori per l’impianto audio che può essere anche del tipo 7+1.

Il SO è a 64 bit, indispensabili per poter indirizzare gli 8 GB di RAM. Non ho avuto alcun problema di driver con la maggior parte delle periferiche (Stampante EPSON R2400, Stampante di rete DELL 3000cn, sonda per la calibrazione del colore Datacolor Spyder  Pro, Webcam Logitech PRO 9000) tranne che per lo scanner Epson Perfection 3200 Photo. Un bello scanner, peccato che Epson non fornisce driver a 64 bit! Viene in aiuto in questi casi il software a pagamento Vue Scan, suggerito dalla stessa Epson sul proprio sito americano, che ha incorporati i propri driver e quindi risolve il problema. Io l’ho acquistato perché lo scanner in questione mi piace proprio, è perfettamente funzionante e non me ne voglio privare. Il software, che ancora non ho avuto modo di provare a fondo, costa $39.95 compresi gli aggiornamenti per un anno, e $79.95 la versione professional con upgrade gratuti per sempre. Sono prezzi accettabili per noi europei che paghiamo in euro, visto il cambio favorevole di questi ultimi tempi.

La macchina è ovviamente molto veloce. A me non interessa la velocità assoluta ed il top in tutto, in quanto non sono un giocatore di videogame, ma mi serve una macchina che maneggi velocemente e senza farsi venire il fiatone i file fotografici che la mia Canon produce: tale obiettivo è pienamente raggiunto. Il PC è una scheggia, si avvia velocemente e si spegne rapidissimo. E’ piuttosto stabile, è molto silenzioso (quasi non si sente), e quando lancio Photoshop mi dice che per il programma sono liberi oltre 6 GB di memoria! Ovviamente con tutta questa RAM il ricorso al file di swap è minimo, il multitasking è una gioia ed il sistema operativo risponde sempre prontamente ai comandi anche quando è impegnato in attività pesanti, come il trafserimento di grossi file da un disco esterno a quello interno. L’audio integrato è di ottima qualità e non vedo cambiamenti rispetto alla mia precedente scheda Creative specializzata. Lo spazio su disco è immenso (due TB!) ed ho eliminato dalla scrivania un sacco di fili, grazie alla maggiore capacità di connessione di questo DELL.

Insomma, non chiedetemi benchmark o roba simile, per quelli ci sono i siti specializzati. Le mie sono solo impressioni “a pelle” che non hanno bisogno di test scientifici. Posso solo dire che nella classificazione Windows il mio PC ha superato la valutazione di 7 in tutte le prove, tranne che quella sulla velocità del sistema disco. Strano perché la configurazione RAID zero (stripe) con due Hard Disk a 7.200 giri/min dovrebbe garantire una elevata velocità… eppure proprio il sistema disco sembrerebbe essere il collo di bottiglia… ripeterò la prova, quando avrò tempo, senza l’antivirus attivato. In ogni caso, le prestazioni della mia bestiolina sono piuttosto elevate!

Giusto per completezza dirò due parole sugli accessori minori: discreta la tastiera che permette di digitare senza falsi contatti dei tasti e restituisce un buon feedback al tocco, molto economico e bruttarello il mouse che però, devo dirlo, funziona perfettamente sulla superficie interamente bianca della mia scrivania mentre quello che avevo prima, esteticamente molto più bello, aveva bisogno del tappetino!

UPDATE del 07/03/2010 – Per dovere di cronaca, mi sembra giusto menzionare che il sistema raid implementato in questo PC non è hardware, ma sarebbe (stando a quanto si legge in giro) software, ovvero “fake raid“, come dicono gli esperti.  A me il sistema apparirebbe piuttosto misto, poiché ci sono appositi chipset nella scheda madre che vengono gestiti da driver, ma probabilmente sono vittima della mia scarsa esperienza in sistemi simili. Sotto il profilo delle pure prestazioni non c’è alcun problema; anzi, sembrerebbe che in alcuni casi la velocità dei raid software sia un pelino superiore a quella degli omologhi hardware. Io posso solo confermare che la velocità c’è tutta e che rispetto ad un sistema non raid la maggior velocità si perpecepisce, eccome. Uno svantaggio di questi fake raid consiste invece nel fatto che se volete installare un sistema operativo diverso, dovrete preoccuparvi prima che ci siano i driver per vedere il raid: insomma, bisogna sbattersi un po’ di più per installare, per esempio, linux.

Make a Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

10 Risposte to “DELL Studio XPS 8100 & MONITOR DELL 2209WA (recensione…)”

RSS Feed for CRONACHE AUTOMATICHE Comments RSS Feed

Ciao…sono contento di aver letto la tua
recensione..ho appena comperato in tutto e per tutto il tuo stesso sistema+monitor (addirittura il monitor
l’ho trovato a 239euro!)..che dire..tutto fantastico!Ciao e buona giornata

Ciao,
prima di leggere questo articolo anche io stavo “armeggiando” nel sito della DELL, e il pc che stavo delinenando è molto simile al tuo.
Prima di decidere, vorrei sapere, che scheda madre ha il tuo DELL Studio XPS 8100?
e sai anche che alimentatore ha?
(sul sito non lo dicono!!)

Grazie in anticipo

Purtroppo non so risponderti. L’unica soluzione potrebbe essere aprire lo chassis ed esaminare attentamente la scheda madre… Io ho sempre sospettato che le motherboard Dell siano fatte da Intel o qualche sua sussidiaria. Idem per l’alimentatore che, posso assicurati, non da nessun problema.

Ciao, concordo con te su questa spettacolare macchina, l’ho acquistata per mia moglie, accoppiata Studio XPS e Nec EA231WMI pannello ips… eccellente, reattiva, potente, processore Quad che garantisce lunga vita alla macchina, considerando che poche applicazioni sfruttano i multicore. Io però vorrei cambiare l’alimentatore per poter installare una nuova scheda video che richiede una potenza di watt superiore,ma sul sito Dell non riesco a trovarli, sai dove posso rivolgermi?

Sinceramente non saprei. Puoi provare a mandare una email a Dell, oppure telefonare (cerca sul sito). Altrimenti apri lo chassis e ne metti un altro di tuo gradimento, ma incorreresti in problemi con la garanzia, credo…

Ti ringrazio per la pronta risposta… proverò a chiamarli. Avevo pensato anche io ad una soluzione da “artigiano informatico” per sostituire l’alimentatore personalmente, ma credo che tu abbia ragione riguardo la garanzia, forse loro avranno le risposte😉
Per il resto, come ti stai trovando con la macchina?

Piuttosto bene, come dico nell’articolo è perfettamente adeguata alle mie esigenze (gestione ed elaborazione di file fotografici abbastanza pesanti) ed in generale è molto veloce. Nessun problema con l’alimentatore.

[…] il pc su cui ho “lavorato” (si far per dire, per me è un divertimento) è un performante sistema dotato di un sistema dischi […]

Ciao,

ma a te capita un riavvio del pc o meglio un kernel power error?

No, un riavvio improvviso di questo PC non mi è mai capitato tranne che (due tre volte) passando da un utente all’altro, cioè tramite la funzione “cambia utente”. Non ho fatto a tempo a capire cosa provocasse il problema perché ad un certo punto, forse grazie all’aggiornamento di qualche driver, il problema non si è più presentato. Comunque le cause parrebbero essere più di una, prova a leggere qua:
http://social.technet.microsoft.com/Forums/en-US/w7itproperf/thread/a611d79d-9865-4a8e-917b-74b0a891912f/


Where's The Comment Form?

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: