TELEFONINI: GUERRE STELLARI

Posted on 4 gennaio 2010. Filed under: informatica | Tag:, , , , , |

Ecco una immagine di Nexus One pubblicata dal sito specializzato Engadget

Nel titolo dico “telefonini” perché il termine è ormai entrato nel linguaggio comune, ma in realtà intendo parlare degli “smartphone”, ovvero quei dispositivi che fungono da assistenti personali a 360 gradi e che consentono non solo di telefonare, ma anche di navigare in internet, mandare e ricevere email, visualizzare ed editare documenti office, chattare, installare programmi, memorizzare appuntamenti e cose da fare, scattare foto e girare filmati, ecc… Ormai tutti o quasi ne abbiamo in tasca uno e quello di maggiore successo è indubbiamente l’ iPhone della Apple. In passato ho avuto smartphone della Nokia, ho avuto modo di interagire con windows mobile (non l’ultima versione però),  sono in possesso di un pc palmare (pocket pc), per cui posso azzardare di mettere per iscritto qualche opinione sull’iPhone e sulla battaglia che si sta per scatenare con Nexus One, il telefonino di Google.

Il grande successo dell’iPhone è dovuto anche all’aspetto modaiolo e un po’ elitario tipico di tutti i prodotti della Apple; però chi pensasse di ricondurlo a questo unico motivo cadrebbe in grave errore e peccherebbe di superficialità. Sull’iPhone è stato detto e scritto di tutto per cui mi limito ad elencare una serie di punti di forza: il sistema operativo veramente usabile con le sole dita, facile ed intuitivo; lo schermo grande ed eccellente; la fluidità delle animazioni (lo so, non è essenziale, ma ne rende l’utilizzo piacevole); la qualità costruttiva  elevata (appare solido come una roccia); lo schermo che non si sporca poi tanto grazie ad un rivestimento che “spurga” (non saprei come dire altrimenti) il grasso lasciato dalle dita (funziona sul serio!); l’enorme quantità di programmi installabili, perlopiù a bassissimo costo, anche meno di un euro, alcuni dei quali molto utili e ben fatti. Preciso che mi riferisco al modello 3GS, l’ultima versione del melafonino, come viene chiamato.

Naturalmente non è perfetto. Ecco i difetti: manca una videocamera sul frontale, per cui non si possono fare videochiamate; il bluetooth è piuttosto limitato (scordatevi di trasfgerire i file con altri smartphone); gli allegati email non si possono scaricare; non si accede al file system (scordatevi di aprire cartelle e memorizzare qualcosa che non sia previsto da qualche software); non c’è cestino (se cancellate una foto, è persa per sempre). I pregi sono superiori ai difetti, trattandosi di un semplice (si fa per dire) smatphone e non di un vero e proprio personal computer, altrimenti avrei ritenuto del tutto inaccettabile il non poter accedere in alcun modo al file system. Alcuni programmi per ovviare a questo problema prevedono di inviare via email il frutto di una elaborazione oppure forniscono una url da cui scaricare l’output tramite wifi. Queste limitazioni sono evidentemente volute da Apple per salvaguardare il business che c’è dietro l’iPhone ma anche l’iPod, ovvero la vendita di canzoni ed applicazioni attraverso lo store on line. Per ovviare parzialmente a questi inconvenienti si può craccare il sistema operativo installandone una versione non ufficiale meno blindata, ma a mio modo di vedere il gioco non vale la candela. Inoltre la blindatura è utile sul fronte della sicurezza mentre alcuni iPhone craccati sono stati vittima, di recente, di virus informatici che avevano preso possesso del dispositivo impedendone l’accesso al proprietario…

Ed ora ecco a voi il G-Fonino, Nexus One, lo smartphone di Google che tra breve verrà messo in commercio. Google allunga i suoi tentacoli sui dispositivi mobili progettando un dispositivo e facendolo costruire da altri: esattamente ciò che fa Apple. Infatti né Apple né Google hanno fabbriche. Lo scopo dichiarato della grande G è proprio quello di creare una vera alternativa all’iPhone e quindi di essere, per il dispositivo della Apple, un temibile concorrente. Ci riuscirà? Uno dei punti di forza potrebbe essere il sistema operativo, Android, sviluppato da Google proprio per essere usato sui dispositivi mobili e libero da licenze (qualsiasi produttore può utilizzarlo senza dover pagare royalties). La versione di Android sul Nexus One dovrebbe essere personalizzata da Google in modo da renderne l’esperienza di utilizzo ancora migliore. Tra pochissimo verrà presentato ufficialmente e se ne saprà di più. Entro la fine di gennaio dovrebbe comparire nei negozi.

A mio modo di vedere, per poter essere veramente alternativo all’iPhone, Nexus One dovrà seguire una strada diversa: più aperto, meno blindato, più smanettabile. Se invece cercherà di calcarne le orme e seguirne la strada, sarà una copia dell’iPhone, probabilmente mal riuscita. Quello degli smartphone è un settore in cui o si è fortemente innovativi, o ci si confonde tra prodotti simili.

Il tutto in attesa delle prossime avvincenti sfide, prima tra tutte quella degli eBook. E’ noto il successo di Kindle di Amazon; quest’anno Apple dovrebbe uscire con un suo tablet e l’esperienza insegna che spesso Apple finisce col fare tendenza. Gli altri non staranno a guardare e per noi appassionati di tecnologia, c’è un futuro tutto da gustare (e, ahimé, pieno di spese future!).

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: